Se ad uno scrittore si chiede qual è il libro che ama di più, spesso può capitare che egli risponda citando l’ultimo che ha scritto…
È questo il caso, ma credo che Amandoti resterà “il mio preferito” a lungo, forse per sempre.

«Io sulla tua pelle.
La mia mano che sale e scende su di te, in una carezza iniziata che non si rassegna a finire.
La tua pelle è calda e si incendia, è velluto che si increspa chiedendomi: ancora.
Il tuo seno, infantile e piccolo, che comunica a “noi” un primo timido brivido di piacere, chiede: ancora. E l’eco di quel primo brivido scivola impazzito sul tuo corpo incendiato in ogni dove. Come una corrente che invade tutto di te, di “noi”, dilaga nelle tue pupille che diventano acqua mossa.»

 

Amandoti
cover di Rino Ruscio

«Ti amo.
Sei l’amore che porti dentro di te.
Sei l’amore che porto dentro di me.»

Se volete leggerlo, lo trovate -sia in cartaceo che in e-book,
su Amazon a questo link:
vai al libro

 

Annunci